Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

.




Un'auto della polizia
0

Colpo lampo messo a segno in gioielleria

Terracina

Hanno fatto finta di essere clienti intenzionate ad acquistare un regalo e invece si sono impossessate di un astuccio pieno di gioielli; quindi si sono date alla fuga. A entrare in azione due donne di mezza età, italiane, senza particolari segni né nell’aspetto né nel modo di parlare. Quando la responsabile della gioielleria si è accorta di essere stata derubata, la coppia si era già allontanata facendo perdere le proprie tracce.
Si è trattato a tutti gli effetti di un furto con destrezza, a mezza strada tra una truffa e un furto vero e proprio. L’episodio si è verificato intorno a mezzogiorno e mezza di giovedì mattina in via Badino. Nel mirino un’attività commerciale che di lì a poco avrebbe chiuso per la pausa pranzo. Prima, però, ecco entrare due donne di mezza età e, a quanto pare, dall’aspetto che non destava sospetti. Le due hanno chiesto di poter vedere qualcosa per fare un regalo. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, che ora indaga sulla vicenda, le due hanno recitato le parti interpretando alla perfezione i rispettivi ruoli. Una deve aver distratto la commerciante, l’altra con un fare immediato deve essere riuscita ad arraffare un raccoglitore di collane. Preso il bottino, le due donne devono essersi scambiate un cenno d’intesa perché d’un tratto hanno accelerato i tempi. Con un espediente, sempre secondo quanto accertato in fase investigativa dagli agenti del commissariato, le due donne sono uscite dalla gioielleria. Forse facendo credere alla commerciante di rientrare subito dopo. E invece le due si sono date alla fuga: solo in quel momento si è capito che non erano semplici clienti, ma ladre a quanto pare anche molto esperte. Sul posto è stato immediatamente richiesto l’intervento degli agenti del commissariato di polizia, agli ordini del vicequestore aggiunto Bernardino Ponzo. I poliziotti, dopo aver raccolto la testimonianza dei presenti per avere un primo e parziale identikit delle ladre, hanno pattugliato la zona ma le ricerche non hanno avuto esito. Nella gioielleria anche gli agenti della squadra scientifica per rilevare eventuali impronte lasciate. Al vaglio anche i filmati delle telecamere di videosorveglianza: il locale infatti è munito di impianti di sicurezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400