Correva l’anno 2008. Dopo mesi di stipendi non pagati dal Comune decine di dipendenti dell’allora cooperativa “Insieme” diedero vita a una delle proteste più eclatanti della storia recente di Terracina. Gli operatori montarono le tende davanti all’ingresso del palazzo municipale, ingaggiando uno scontro acceso con l’ex sindaco Stefano Nardi. Oggi, dopo anni di battaglie dalla piazza alle aule di tribunale, il Comune chiude i conti col passato. Nei giorni scorsi l’Organo straordinario di liquidazione ha deliberato di ammettere alla massa passiva i debiti transatti dagli ex dipendenti della cooperativa. Con tre provvedimenti specifici la commissione liquidatrice ha disposto di ammettere alla massa passiva tre lavoratori per il pagamento del Tfr e altre 44 persone per spese legali dovute a decreti ingiuntivi. 

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (20 novembre 2016)