Intercettazioni telefoniche e ambientali, precedenti giudiziari specifici di alcuni degli indagati, servizi di osservazione, controllo e pedinamento, nonché diversi sequestri di sostanze stupefacenti. Così i Carabinieri della Compagnia di Terracina, coordinati dal Comando provinciale, sono riusciti a ricostruire l’attività di spaccio “al dettaglio” che coinvolgeva gli indagati destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Laura Matilde Campoli ed eseguita all’alba di ieri dagli stessi militari dell’Arma dopo la richiesta del sostituto Luigia Spinelli. 

Applicate differenti
misure cautelari
a seconda del ruolo
rivestito dagli indagati
nell’attività illecita.