Se ne avevano avvisaglie sul web da mesi, ormai. Da quel febbraio del 2015, quando alcuni degli attivisti dell'unico Meetup, il Terracina 5 Stelle, se ne erano andati sbattendo la porta. Ora, in vista delle elezioni, riuniti in un nuovo Meetup (Terracina Anno Zero), scagliano dure accusa sui metodi di formazione della lista all’altro Meetup, quello in cui milita la consigliera regionale Gaia Pernarella. Una “involuzione pericolosa ed antidemocratica, autocratica ed autoreferenziale”, viene definito il percorso di quegli attivisti. Uno strappo che si farà sentire nel corso della campagna elettorale.

Leggi l’articolo completo sul quotidiano Latina Oggi in edicola o in versione digitale