Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

.




Trattamento rifiuti a Lazzaria, Righini scrive all'assessore regionale

Giancarlo Righini

0

Trattamento rifiuti a Lazzaria, Righini scrive all'assessore regionale

Velletri

Secondo il capogruppo di Fratelli d'Italia alla Pisana la conferenza dei servizi prevista a settembre non dovrebbe riunirsi

Continua senza sosta la strenua battaglia di Fratelli d'Italia contro una gestione dei rifiuti ritenuta a più riprese lacunosa e approssimativa. E' ancora Giancarlo Righini - che più volte ha sollecitato i vertici regionali ad approvare il Piano energetico e dei rifiuti - a prendere in mano la situazione, come avvenuto proprio in queste ore, quando il capogruppo regionale di Fratelli d'Italia, senza alcun indugio, ha scritto di proprio pugno all'architetto Demetrio Carini e, per conoscenza, all'assessore Buschini, mettendo al corrente la Direzione Regionale Governo Ciclo dei Rifiuti, della necessità "di non procedere con lo svolgimento della Conferenza di Servizi convocata per il 6 settembre, alle ore 10.30, per approfondire il progetto dell'impianto di digestione anaerobica dei rifiuti organici" di Velletri.

"Non può passare inosservato - dichiara Righini - che la volontà del Comune di Velletri è chiaramente contraria alla realizzazione dell’impianto in questione". Nella sua missiva Righini ha quindi trasmesso la copia della Deliberazione del Consiglio Comunale di Velletri con la quale l’assemblea comunale ha impegnato il Sindaco e l’amministrazione alla revoca della delibera  51 del 14/05/2012. "Quanto accaduto a dicembre - rincara la dose il capogruppo di Fdi - è stato peraltro il frutto di svariate convocazioni dell'apposita Commissione Speciale sui rifiuti, che ha coinvolto tanti esperti ed associazioni di categoria, tutti concordi sull'inopportunità di andare avanti con quel progetto, come poi recepito anche dall'intero consiglio comunale. Auspichiamo pertanto una presa di coscienza di quanto deliberato dal consiglio comunale veliterno, sperando possa essere posta una pietra tombale sull'intera vicenda. Ovviamente, ove così non fosse, daremo battaglia in ogni sede per tutelare i diritti di cittadini ed agricoltori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400