Nel pomeriggio di ieri, un altro intervento degli agenti di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Velletri ha evitato la morte di un detenuto. Infatti, uno degli agenti in servizio ha notato un giovane italiano - ristretto in una delle celle - che si era impiccato con una corda rudimentale e stava per perdere la vita. Prontamente, quindi, ha raggiunto il detenuto e lo ha liberato, affidandolo alle cure dell’infermeria e salvandogli conseguentemente la vita.

«È stato un intervento tempestivo - hanno spiegato Carmine Olanda e Ciro Borrelli, sindacalisti dell’Ugl polizia penitenziaria - effettuato grazie alla grande professionalità dei colleghi che, ogni giorno, svolgono il proprio dovere nonostante le difficoltà dovute alla carenza di personale. Cogliamo l’occasione, oltre a complimentarci con l’agente, per chiedere al ministro della Giustizia di sollecitare il Governo e il presidente Renzi affinché si sblocchino le assunzioni nel Corpo di polizia penitenziaria».