Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

.




Segregata in casa dall'ex compagno
0

Segregata in casa dall'ex compagno

Velletri, dramma per una donna straniera. L'uomo è stato arrestato dalla polizia

Nelle scorse ore, a Velletri, i poliziotti del locale commissariato hanno posto in stato di fermo un uomo di 40 anni - straniero d’origine marocchina - ritenuto responsabile delle ipotesi di reato di sequestro di persona, rapina e tentata estorsione ai danni della ex compagna, ossia una donna polacca di 50 anni. In particolare, l’uomo - nei giorni scorsi - sembrerebbe si fosse recato a casa della donna e, riuscendo a entrare con modi calmi, avrebbe poi chiesto soldi alla ex. Al diniego della stessa, l’uomo avrebbe iniziato a percuoterla, prima di strapparle la borsa contenente circa 200 euro e fuggire via portando con sé le chiavi dell’abitazione, con la donna malconcia che - rimasta anche senza corrente elettrica e col telefono cellulare scarico - sembrerebbe fosse ormai segregata. L’uomo sembrerebbe tornasse di notte: poi, lo scorso 8 novembre, avendo finito i soldi e sapendo che la donna non ne aveva più, lo stesso avrebbe deciso di farla prostituire, altrimenti l’avrebbe nuovamente picchiata e si sarebbe rivalso contro il figlio di lei, che vive in Polonia. A quel punto, la donna avrebbe approfittato della possibilità di uscire e - seppure non disposta a prostituirsi - sarebbe riuscita a raggiungere il pronto soccorso, portando con sé anche il caricabatterie del cellulare, riaccendendo lo stesso dopo molti giorni. In ospedale, i medici avrebbero riscontrato le percosse subite dalla donna, avvertendo di conseguenza il commissariato. Le prime ricerche dell’uomo sarebbero state negative: costui, però, sembrerebbe continuasse a chiamare la donna (con alcune di queste telefonate ascoltate in vivavoce nel pronto soccorso) per minacciarla e per chiederle di prostituirsi al fine di avere dei soldi. Appreso ciò, i poliziotti avrebbero chiesto alla donna di fingere di avere del denaro, fissando un appuntamento con l’uomo che, puntualmente, si sarebbe fatto vivo. Alla vista dei poliziotti, però, lo straniero avrebbe iniziato a inveire contro la donna per poi negare tutta la vicenda e provare una fuga. I poliziotti lo hanno inseguito e raggiunto, arrestandolo e portandolo nel carcere di Velletri in stato di fermo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400