Prima sconfitta stagionale per il Latina 1932, battuta di misura dall'Ostiamare e dall'ingenuità del suo giovane Porfiri che dopo appena dieci minuti si fa cacciare per una manata in faccia ad un avversario. Gara ingiudicabile dal punto di vista tattico, un passo indietro sotto il profilo della condizione, con più di qualche calciatore in evidente affanno visti i carichi di lavoro che adesso, dopo appena due settimane di preparazione, si iniziano a far sentire. Non un buonissimo ingresso, insomma, nella settimana che porta all'esordio del campionato in casa di una corazzata come il Rieti. Ma non bisogna certo fasciarsi la testa. E' solo calcio d'agosto, un discorso che per i nerazzurri di Chiappini, in forte ritardo rispetto alle avversarie, vale come attenuante per l'uscita dalla coppa contro, per giunta, una signora squadra come quella lidense che vola ai 32esimi di finale. Di buono c'è il carattere e l'organizzazione, da annotare la seconda rete dopo Anzio presa allo stesso modo su palla inattiva. La cosa più bella? L'abbraccio finale alla squadra di un grande tifo che ancora una volta ha seguito i nerazzurri nella calda trasferta capitolina.

L'Aprilia invece supera anche il primo turno di Coppa Italia di serie D ai rigori, così come era successo sette giorni fa in casa con la Lupa Roma nel turno preliminare, e accede ai 32esimi della competizione. I penalty decidono una sfida bellissima quanto incredibile col gol di Casimirri prima del riposo impattato da Moretti, entrambi dal dischetto. Nel finale accade di tutto col gol di Matteo al 49' e il pareggio di vittori al 50' con l'errore decisivo per il Flaminia proprio dell'ex Scibilia.

Ostiamare - Latina 1932 1-0
Ostiamare (4-3-3): Belardelli, Colantoni, Bellini, Mazzei, Calveri, Ferrari, D'Astolfo, Roberti, Proietti (29'st Attili), Santucci (40'st Dioguardi). A disposizione: Quattrotto, Giachè, Monfreda, La Rosa, Odorisio, Chiurco, Achilli. Allenatore: Greco
Latina 1932 (4-2-3-1): Bortolameotti, Belvisi, Rizzo (15'st Tomei), Porfiri, Catinali, Vona, Natale (17'st Guidotti), Barberini, Iadaresta (23'st De Francesco), Cittadino, Rabbeni (23'st Pagliaroli). A disposizione: Testa, Cossentino, Mancini, Alario, Cifra. Allenatore: Chiappini
Arbitro: Petrella di Viterbo. Assistenti: Bianchini e Giudice di Frosinone
Reti: 2'st Mazzei
Note - Espulsi: 10'pt Porfiri per condotta violenta; 46'st Catinali per doppia ammonizione . Ammoniti: D'Astolfo, Catinali, Barberini, Vona. Recuperi: 1'pt – 4'st

Flaminia - Aprilia 2-2 (3-6 d.c.r.)
Flaminia (4-3-3): Reali; Gnignera (33' s.t. Vittori), Locci, Giannetti, Carta; Macri, Mastrantonio (1' s.t. Tiozzo), Cesarini (1' s.t. Onofri); Belli (1' s.t. De Cristofari), Moretti (28' s.t. Leonardi), Scibilia. A disp.: Opara, Calisto, Lavagnini, Losi. All.: Vigna
Aprilia (4-3-3): Fontebuoni; Montella, Valentini, Sossai, Bencivenga; Fortunato (43' s.t. Di Palma), De Marchi (19' s.t. Maestri), Sterpone; Casimirri, Bosi (21' s.t. Zeccolella), Fortuna (6' s.t. Matteo). A disp.: Del Moro, Pace, Cuscianna, Veroni, Pirazzi. All.: Iacobucci (Venturi indisponibile)

Arbitro: Cattaneo di Civitavecchia
Reti: 44' p.t. Casimirri (A) su rigore, 17' s.t. Moretti (F) su rigore, 49' s.t. Matteo (A), 50' s.t. Vittori (F)
Note: Gara disputata a porte chiuse. Osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del terremoto di Ischia. Espulsi: 15' s.t. Montella (A) per proteste; 50' s.t. Iacobucci (All. Aprilia) per proteste. Ammoniti: Carta, Leonardi; Fortuna, Casimirri, Montella. Angoli: 5 – 2. Sequenza rigori: Matteo (A): gol; De Cristofaro (F): gol; Sossai (A): gol; Macri (F): alto; Di Palma (A): gol; Scibilia (F): parato; Sterpone (A): gol.