Non solo alberi e rami precipitati sulla strada (fortunatamente senza aver causato grossi danni), ma anche le condotte di scolo delle acque chiare hanno dato qualche problema a causa della forte ondata di maltempo Nel centro storico di San Felice Circeo, ad esempio, un tombino a causa dell'incremento del flusso di acqua è "esploso" causando qualche disagio anche per il fatto che parte del borgo antico è un'area di cantiere per i lavori di pavimentazione. Fortunatamente poco dopo la situazione è tornata alla normalità.