Palermo, 17 lug. (Adnkronos) - "Fate andare me a recuperare quell'uomo lasciato in pasto ai pesci". A parlare, in una intervista a Repubblica, è l'eurodeputato e medico Pietro Bartolo (Pd), dopo la foto pubblicata del cadavere di un migrante impigliato in una cima a un gommone che da 15 giorni vaga in mare. "E' vergognoso - dice - Neanche un cane si lascia in quelle condizioni". Bartolo, che per anni ha salvato decine di migranti arrivati a Lampedusa, si dice pronto a recuperarlo lui quel cadavere. "Le guardie costiere sanno e fanno finta di niente - dice - Sono mortificato e incredulo. E' un essere umano ed è morto, non viene a rubare il lavoro di nessuno, non ci porta malattie, non mette a rischio la sicurezza del paese".

E dice: "Abbiamo superato ogni limite". e lancia un appello alla ministra del'Interno Luciana Lamorgese. "Perché dia al guardiacoste l'ordine di uscire con le motovedette. L'annos corso la Guardia costiera è andata a prendere una pecora a 24 miglia a largo da Lampedusa". E poi dice di "ammirare" i deputati che "hanno votato contro" il rifinanziamento della missione libica. "E' vergognoso che questo governo continui a pagare i libici, la dignità non si baratta".