Roma, 8 gen. (Adnkronos) - Se il commercio al dettaglio soffre a causa della pandemia, è l'e-commerce a registrare invece numeri da record. Un vero e proprio boom in tutta Europa e che Adnkronos nel nostro Paese si sta traducendo in un "incremento del 200% di vendite per i prodotti legati al lockdown, alla cucina o alla cura personale". E' Antonio Pilello, Responsabile comunicazione di idealo, ad anticipare all'Adnkronos il trend del nuovo modo di fare acquisti nell'era Covid. La piattaforma di comparazione prezzi, basata in Germania, sta infatti monitorando e analizzando l'andamento dello shopping sulla rete sotto la pressione della pandemia.

A fronte di mesi di chiusure e distanziamenti, Pilello traccia un quadro di come l'e-commerce abbia "cambiato pelle nel 2020" e sottolinea che "sta reagendo a questo cambiamento anche nelle stime per il 2021". "L'e-commerce al Sud - dove c'è maggiore digital divide - è cresciuto oltre il +100%: in Campania +110%, in Calabria +109% e in Sicilia +110%. Nelle regioni del Nord la crescita si è attestata intorno al 70%. Per questo per il 2021 stimiamo ed auspichiamo una stabilità di questo trend degli acquisti online anche perché i piccoli shop di quartiere crescono con le vetrine sul web".

Se l'anno scorso "abbiamo verificato una crescita esponenziale di mascherine", a tagliare nuovi traguardi "sono stati anche webcam, tablet, notebook". Sono indizi, secondo il manager di idealo, "dell'incremento di smart working e didattica a distanza che - anche grazie ai bonus voluti dal Governo- hanno spinto le famiglie a cercare di dare dispositivi ai propri figli per studiare".