"Questo è un posto davvero unico, meraviglioso. Sono sincero, non lo conoscevo, ma con mia moglie Elena siamo davvero contenti di averlo scoperto. L'accoglienza di Gianluigi (Superti, ndr) e del suo staff, poi, è stata davvero eccezionale. Ci hanno coccolati dal primo momento che siamo arrivati".

Una mattinata splendida, quella di oggi, in compagnia di Ivano Bordon, il portiere gentiluomo. Bandiera dell'Inter e due volte Campione del Mondo con la Nazionale, nel 1982 come vice di Zoff e nel 2006 come preparatore dei portieri al fianco di Marcello Lippi.

Una storia da raccontare e lui lo ha fatto. Domani sera, a partire dalle 19, nella quiete dei giardini del Circeo Park Hotel, a "Incontri all'Imbrunire", la sua autobiografia, "In presa alta", scritto a quattro mani con Jacopo Dalla Palma, troverà terreno fertile nel competente pubblico di questa rassegna