Il Capodanno al Teatro Moderno può definirsi ormai una tradizione per molti residenti di Latina, un evento per incontrarsi, ritrovarsi, per conoscere persone nuove e senza dubbio per divertirsi con le scelte programmatiche del direttore Gianluca Cassandra. La proposta del 31 dicembre non tradisce lo spirito del progetto culturale della struttura di via Sisto V. Sorridere fa bene sempre, è questa la filosofia, e non è vero che non possa alla fine anche "insegnare" qualcosa. Questa volta a salire sul palco saranno un lui e una lei, e insieme a loro si attenderà l'arrivo della mezzanotte. Un lui e una lei che non si conoscono. Lui viene lasciato dalla fidanzata. Lei molla il fidanzato. Lui e lei vengono cacciati da casa. Lei e lui affittano, per uno strano scherzo del destino, lo stesso appartamento. E i problemi cominciano quando arriva "l'altro".Il pubblico del Moderno brinderà al 2020, come appunto è ormai "bella tradizione", insieme agli attori in scena, nel caso di martedì prossimo in compagnia di Marco Cavallaro, Claudia Ferri e Marco Maria Della Vecchia, brillanti protagonisti di "That's amore", commedia musicale dello stesso Marco Cavallaro.Tra romatiche canzoni e colpi di scena, è l'amore il grande protagonista di questa piacevole pièce, che gioca con l'equivoco: "Un errore provvidenziale - leggiamo sulle note di sala - ridona speranza in tempi precari, una nota di fiducia con un carico di sana ironia. Sul palco un rapporto d'amore ancora tutto da inventare, inatteso e fresco, che nasce dove e quando meno te l'aspetti, che prima disorienta e poi travolge".Sarà bello, allora, lasciarsi inondare dall'amore nella notte di San Silvestro, e con questo sentimento iniziare l'anno nuovo. Un invito a non permettere mai che "Amore" venga schiacciato dalle preoccupazioni e dai guai della quotidianità, dalla frenesia dei giorni o dagli sgambetti della vita, dagli imprevisti o dalle difficoltà. Perché questa grande "follia" - qualcuno ha scritto - "è quella cosa che rende il viaggio degno di essere percorso".