Prestigioso successo per l'ultima opera di Andrea Giansanti: il saggio "Sviluppo locale, Europa, nazionalismi. Territorio e globalizzazione in una prospettiva critica" edito dai tipi fiorentini di goWare, si è aggiudicato il Premio Internazionale Santa Margherita Ligure. Il premio, intitolato alla memoria del poeta e scrittore Franco Delpino, è giunto quest'anno alla 43a edizione, confermandosi come una delle iniziative maggiormente radicate in ambito letterario.

Tra le 918 opere in concorso, la giuria ha assegnato il primo premio per la saggistica alla monografia firmata da Giansanti, che analizza come il concetto di sviluppo territoriale si sia evoluto in maniera profonda, non misurandosi più unicamente sulla sua dimensione economica, ma anche su quella politica e sociale. L'autore illustra come l'attuale visione dello sviluppo abbia superato la mera crescita per estendersi all'ambiente, all'innovazione, al capitale sociale e relazionale. Il territorio costituisce quindi la cartina al tornasole dello sviluppo, rappresentando il raccordo per l'iniziativa dei diversi attori che implementano le strategie orientate allo sviluppo e per le interazioni alle – e tra le – diverse scale. In questo quadro d'insieme, Giansanti sottolinea il fatto che la crescita di importanza delle città assume un valore strategico.

Pertanto l'emergere di spinte nazionaliste e sovraniste impone la rilettura delle politiche pubbliche in ambito europeo e delle narrazioni che ripropongono la centralità degli Stati nei confronti della crescente agibilità concessa dall'Unione europea alle regioni. Uno scenario che, secondo l'autore, in sintonia con il controverso fenomeno della globalizzazione e con la rilevanza acquisita dalle città, offre spazi di manovra alle forze che sostengono il ritorno al primato della sovranità nazionale.

Quest'anno a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19, la cerimonia di premiazione si è svolta in modalità virtuale, dal celebre Salone degli Stucchi della seicentesca Villa Durazzo di Santa Margherita Ligure. «La tutela della salute è prioritaria – afferma Giansanti – e, anche se il fascino della cerimonia in presenza sarebbe stato ovviamente diverso, sono assai felice per questo riconoscimento che premia il poderoso lavoro di ricerca svolto per la redazione del volume. Purtroppo il saggio è stato pubblicato proprio a ridosso della diffusione della pandemia, il che ha limitato le possibilità di presentazione e promozione dell'opera. Anche il mondo dell'editoria scientifica ha pagato dazio al Covid-19, mi auguro si possano individuare nuove forme di diffusione per sostenere l'impegno di autori ed editori».

Il saggio "Sviluppo locale, Europa, nazionalismi" è la quarta monografia in ambito economico-geografico di Andrea Giansanti, dottore di ricerca in Geopolitica e Geoeconomia, nonché docente universitario di Diversity Management e di Economia del terrorismo per i master in Gestione delle risorse umane e Geopolitica della sicurezza. Con il volume "Settant'anni senza lavoro" è stato, fra l'altro, vincitore del Concorso letterario Caterina Martinelli e finalista al Premio nazionale Divulgazione scientifica, mentre "Turismo, ambiente e territorio" è da alcuni anni stato selezionato come testo d'esame in diversi corsi di laurea dell'Università degli Studi di Bergamo.