L'affetto verso un territorio può essere espresso in tanti modi, anche attraverso un videomessaggio. Carlo Verdone vuole bene ad Anzio. Le conferme sono infinite, e ieri ne è giunta un'altra in occasione dell'avvio del Filmfest.
L'attore e regista ha voluto esprimere il suo augurio alla rassegna, e ha salutato la città e la sua gente sottolineando che è proprio lì, ad Anzio, che ha trascorso i suoi anni più belli.
In questi giorni alle prese con la serie tivù "Vita da Carlo", che andrà in onda su Amazon Prime, Verdone conquista ancora una volta il cuore di tutti con parole che testimoniano un legame indissolubile: parla della sua gioventù, di quei luoghi a lui cari che richiamano ricordi e sensazioni, e poi si complimenta per la "rinascita" del Paradiso sul Mare: "State facendo molto, sono felice che riprenderà vita; è l'edificio immortalato da Fellini in Amarcord. Sono contento che Anzio diventi una bella Città di Cultura, ripartendo proprio dal Cinema".
All'assessore Laura Nolfi, che ha programmato la rassegna al Parco del Vallo Latino Volsco, dove si svolgerà sino al 25 agosto, Verdone rivolge i suoi complimenti, per poi cantare la particolare bellezza del quartiere di Santa Teresa, sede della prima edizione del Festival.
«Quando venivo rimandato tutti i miei professori stavano lì - ricorda l'artista nel suo videomessaggio -, è un'altra parte di Anzio che ha il suo fascino. Anzio è bella ed è sempre nel mio cuore".
Non dimentica, Verdone, di congratularsi con il sindaco Candido De Angelis.
Il suo abbraccio va poi agli anziati e ai villeggianti, con una promessa: "Mi mancate molto, il prossimo anno, giuro, vengo! Baci a tutti e buone vacanze".
Un saluto importante per l'organizzazione dell'Occidente AnzioFilmFest, che premia il lavoro di squadra promosso da De Angelis e coordinato dall'assessore alla Cultura Nolfi.
La kermesse è stata resa possibile - sottolinea il Comune in una nota - anche dal contributo del Presidente del Museo dello Sbarco, Patrizio Colantuono, insieme agli Uffici del Segretario Generale e del Servizio Comunicazione Istituzionale e Grandi Eventi della Città di Anzio.
Ieri si è svolta la prima giornata delle dodici previste (tutte ad ingresso gratuito) con la proiezione de "Il Colonnello Von Ryan". Il film vede nel cast Sinatra e una giovanissima Raffaella Carrà.
Oggi sarà la volta di "Risate di Gioia", un'altra pellicola che testimonia come Anzio sia sempre stata terra di set: vi si vedono infatti Totò ed Anna Magnani che ballano all'interno del Paradiso sul Mare.
Il 9 agosto il cartellone prevede la proiezione de "Il bambino e il poliziotto" diretto e interpretato da Verdone, che per la scelta ha espresso gratitudine e felicità. Sullo sfondo di una mitica scena il Porto di Anzio.
L'Occidente FilmFest la sera del 10 agosto aprirà invece alla musica, con il concerto del Maestro Ambrogio Sparagna, che porterà la musica popolare ad Anzio insieme all'Orchestra Opi.
Il 14 agosto saranno I carta Bianca e Sara Santostasi i protagonisti, con il varietà "Risate Occidentali".
"Burraco Fatale" è il film programmato per la sera del Ferragosto, tributo allo splendore di Anzio, una città dai tanti volti. Il 16 agosto, il professor Clemente Marigliani ne affronterà in particolare uno, "Anzio Moderna", prima della proiezione serale che sarà all'insegna del capolavoro di Fellini "Amarcord", citato nel video messaggio anche da Verdone con il riferimento a quel Paradiso sul Mare che appare nella copertina del film.
Il 20 agosto perfomance teatrale dell'attrice Roberta Gasparetti, e sempre in questo giorno è annunciata l'inaugurazione della mostra fotografica "Locum Sacralis", a cura di Ilaria Pisciottani; a seguire la proiezione de "Il Talento di Mr. Ripley".
Il 21 agosto in cartellone troviamo il film "Nine", con Anzio a fare da sfondo alla storia della pellicola diretta da Rob Marshall.
Un secondo omaggio, dopo quello a Raffaella Carrà, è previsto per il 23 agosto, destinataria Carla Fracci. "La prima ballerina assoluta" verrà ricordata dall'attrice Valentina Persia. Attesissima la performance di Giuseppe Picone, Ambasciatore della danza italiana nel mondo e Direttore del Corpo di Ballo al Teatro San Carlo di Napoli. Il 24 agosto si ride con "Quo Vado", di e con Checco Zalone. Il set del film ha avuto per cornice Tor Caldara. Gran finale il 25 agosto con la "Medea" di Pasolini. Il brand Occidente, che identifica il festival, è stato ideato dal professor Angelo Favaro, Laura Nolfi e dal consigliere Federica De Angelis. (Ingresso con obbligo green pass e prenotazione tramite posta elettronica pol.culturali@comune.anzio.roma.it).