«A Latina non si festeggia il Primo Maggio, ci si deve accontentare di Lievito, piaccia o non piaccia». Così la consigliera comunale di Fratelli d'Italia, Matilde Celentano, tiene i riflettori accesi sul caso del concertone del Primo Maggio a Latina, che quest'anno a Latina non ci sarà. Eppure - sempre il 1 maggio - ci sarà la giornata conclusiva di Lievito, la rassegna di Rinascita Civile. «Al di là del significato politico del Primo Maggio che a Latina, città di destra per eccellenza, non è mai stato particolarmente sentito - dichiara Celentano - il giorno di festa nel capoluogo pontino ha sempre trovato motivo di essere celebrato». Come ricorda Celentano, nel capoluogo c'è sempre stato un Primo Maggio di tutto rispetto. Quest'anno, invece, non ci sarà nulla.
«Il Primo Maggio era un modo per rilanciare le attività del centro storico che rimanevano aperte fino a tardi con ritorni positivi sull'indotto economico - prosegue Celentano - e soprattutto era uno dei pochi giorni dell'anno dove finalmente Latina si sentiva viva, con il centro pieno di gente che sceglieva di trascorrere una giornata in compagnia degli amici a suon di musica».