Due edifici rurali su un’area di circa 5.000 metri quadrati di terreno agricolo, nel cui interno sono stati rinvenuti, depositati ed abbandonati, centinaia di chili di rifiuti speciali, tra cui molti catalogati pericolosi, sono stati sottoposti a sequestro, nel Comune di Pomezia, dai militari del reparto operativo aeronavale della guardia di finanza di Civitavecchia.

Nei giorni scorsi gli uomini della sezione operativa navale di Lido di Ostia, coadiuvati dagli uomini della sezione aerea di Pratica di Mare, hanno eseguito, su disposizione dell'autorità giudiziaria, il sequestro dell’area agricola precedentemente individuata grazie all’impiego di un elicottero del corpo, da cui emergeva la presenza di diverse tipologie di rifiuti speciali abbandonati.

In particolare sono stati rinvenuti imballaggi fuori uso in polistirolo e plastica, taluni contenenti sostanze liquide allo stato non ancora definite, rifiuti metallici, rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, contenenti componenti pericolosi, pneumatici fuori uso, batterie fuori uso, rifiuti di vetro e di alluminio, lastre di catrame e fusti di metallo e rifiuti di costruzione/demolizioni edilizia.

Il legale rappresentante della società proprietaria del terreno e il legale rappresentante della società affittuaria dello stesso, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria anche al fine di provvedere alla bonifica e al ripristino dello stato dei  luoghi.

Il sequestro posto in essere dai militari delle Fiamme gialle si inserirsi nel più ampio e costante dispositivo di tutela ambientale messo in atto dalla componente aeronavale della guardia di finanza in collaborazione con i reparti territoriali del Lazio.