Un vero e proprio commando di ladri ieri notte ha preso di mira il bar Simonetti di Borgo Bainsizza: erano almeno in otto, scassinatori esperti e pronti a tutto. Compreso lanciare sassi contro il gestore dell’attività commerciale che abita sopra al locale e che, svegliato dall’allarme, per difendersi e mettere in fuga i banditi ha sparato alcuni colpi con il proprio fucile da caccia.
Quella messa in atto dagli specialisti dei furti con scasso aveva tutti i connotati di un’azione militare ben organizzata, che denota anche una certa conoscenza del territorio. Il piano è scattato intorno alle due e dieci: come testimoniano i filmati registrati dall’impianto di video sorveglianza, i soliti ignoti sono arrivati con tre mezzi e ciascuno aveva un compito. Uno di loro si è nascosto poco lontano per fare da palo e avvisare gli altri all’arrivo delle forze dell’ordine, un altro addirittura aveva l’incarico di raccogliere, nei paraggi, sassi e altri oggetti da lanciare nel caso in cui, come realmente è successo, il gestore del bar si fosse svegliato. Sapevano quindi che abita sopra al locale, perché quello di ieri non è il primo furto che la famiglia subisce: in precedenza erano riusciti a mettere in fuga i ladri che, a loro volta, si sono organizzati in modo da non essere disturbati. Avevano persino legato, dall’esterno, le maniglie della porta d’ingresso della scala condominiale per impedire ai proprietari dell’attività commerciale di uscire.

Il servizio completo in edicola con Latina Oggi (18 gennaio 2017)