È una piaga che non riesce a essere arginata né tantomeno contrastata con efficacia. I vandali continuano a danneggiare arredi e strutture della collettività. E a rimetterci alla fine è la cosa pubblica, cioè tutti i cittadini. Già, perché i soldi comunali con cui si deve poi provvedere alla sistemazione provengono dalla collettività. Per cui in un modo o nell’altro tutti finiscono per dover pagare l’inciviltà di alcuni, con quelle somme che potrebbero essere tranquillamente destinate ad altro. Magari a sistemare qualche buca di troppo o a offrire comunque più servizi o servizi migliori. Tra gli ultimi casi anche una scritta sul muro della farmacia comunale di piazza Roma, per la quale di recente sono finiti i lavori. Il "writer" forse pensava che la telecamera fosse spenta, invece era in funzione. Motivo per cui forse si riuscirà a risalire al responsabile. 

L'articolo completo su Latina Oggi (24 marzo) anche in edizione digitale