La zona è lontana da occhi indiscreti, ma si fa per dire. Siamo a due passi dal mare, in una zona in cui ogni giovedì si tiene il mercato settimanale. Quindi ad altissima frequentazione. Non proprio invisibile, insomma. Eppure deve essere passato del tempo senza che vi siano state segnalazioni di sorta, se la zona di viale Europa che si raggiunge se da Roma si imbocca la direzione «mare» è riuscita a diventare una maxi discarica di rifiuti. Uno scempio in piena regola, in cui spuntano montagne di rifiuti: bustoni neri pieni di inerti che ricordano la terra dei fuochi, cataste di legna, resti di televisori con vista litorale, plastica, rifiuti elettronici, vetro, resti di automobili, ripari improvvisati con resti addirittura di imbarcazioni. Difficile immaginare che tutto questo sia passato inosservato. Più facile pensare che venga ignorato. Eppure, una zona così frequentata, può rappresentare problemi sul profilo igienico-sanitario, se proprio si vuole bypassare la questione prettamente turistica. La Pontina, infatti, indica la direzione «mare» a coloro che vogliono dirigersi proprio sul ridente litorale cittadino. Bene, la passeggiata per arrivarci è questa.