L'allargamento di via Gorgona è stato effettuato occupando illecitamente parti dei terreni privati. Il Comune di Aprilia, che i lavori li ha disposti e fatti eseguire, ora corre ai ripari e pubblica la determina di "acquisizione coattiva sanante" con cui non solo si auto-assolve dall'illecito, ma impone anche il pagamento di quegli stessi lavori che la Rida Ambiente ha rifiutato di pagare, a carico dei proprietari dei lotti che saranno espropriati. Via Gorgona - si legge nella determina - risulta essere strada privata di interesse pubblico, di pubblico transito, il che comporta l'obbligo dei proprietari a contribuire alle spese di manutenzione e sistemazione della stessa, verosimilmente in misura proporzionale all’uso fattone e all’utilità ricavata.