Con il voto favorevole della maggioranza dei consiglieri presenti, il Comune di Pomezia ha istituito il Registro della Bigenitorialità. Una decisione storica, che ha trovato piena soddisfazione in Adiantum, l’associazione di aderenti nazionali per la tutela dei minori, come spiegato dal presidente Giacomo Rotoli: «Pomezia ha mostrato grande lungimiranza nell’approvare l’istituzione del Registro della Bigenitorialità. Passo dopo passo, ci avviciniamo a Roma, dove già ci siamo attivati all’indomani dell’insediamento della nuova Giunta».

Ovviamente positivo anche il commento del coordinatore nazionale di Adiantum, Massimiliano Gobbi: «L’istituzione del registro nei Comuni attua un importante principio: il mantenimento, per il minore, dei rapporti con entrambi i genitori. È una significativa risposta per garantire il regolare esercizio della funzione genitoriale. Dopo circa un anno di intenso lavoro con il Comune di Pomezia, Adiantum riesce a far approvare in Consiglio il Registro della Bigenitorialità. Una grande vittoria per la cittadinanza, resa possibile grazie alla collaborazione di tutta l’amministrazione comunale. Pomezia è il terzo Comune del Lazio, dopo Ardea e Grottaferrata: ora continueremo a proporre l’istituzione del registro in tutti i più importanti centri del Lazio».