Con una ordinanza che porta la data del 23 febbraio - pubblicata ieri sull’Albo pretorio online del Comune -, il sindaco di Ardea - Luca Di Fiori - ha chiesto a una donna residente in città - classe 1973 - di provvedere a sottoporre il proprio cane a un controllo di sanità veterinaria da mettere in atto nell’ambulatorio di via delle Cerquette, ad Ariccia.

Nello specifico, il primo cittadino ha ritenuto necessario “imporre l’adozione di misure precettive indifferibili e urgenti per la prevenzione e la profilassi della rabbia”: tale decisione è arrivata dopo che il cane in questione avrebbe morso un uomo.

Di conseguenza, il sindaco, oltre a ordinare la profilassi antirabbica, ha chiesto che il cane in questione venga registrato a norma della legge regionale 34 del 1997 e che la padrona dell’animale “consenta il libero e incondizionato accesso a tutti i funzionari e agenti incaricati della vigilanza sull’esecuzione dell’ordinanza”.