Mezzo milione di utile ma con l’altolà a tenere costantemente sott’occhio la gestione dei flussi di cassa. La giunta del sindaco Andrea Antogiovanni ha approvato la relazione del responsabile del servizio finanziario del Comune di Lenola e sottoscritto dal revisore dei conti. L’atto riguarda il controllo degli equilibri di bilancio. Il documento si riferisce al secondo quadrimestre dell’anno e fa tirare un sospiro di sollievo agli amministratori locali. Dai riscontri contabili, infatti, emerge un saldo di oltre mezzo milione tra entrate e uscite. Per quantificare, ci si trova davanti a incassi per 2 milioni 596mila euro a fronte di 2 milioni 36mila euro di uscite. Il saldo, quindi, sfiora i 560mila euro. Ma non è tutto oro quello che luccica. E no, perché al di là dei numeri che restano senz’altro positivi, il dipartimento finanziario avverte i responsabili degli uffici a «monitorare costantemente l’andamento della gestione di cassa». Un invito che prende le mosse da quanto si è verificato già lo scorso anno e che, sostiene l’ufficio ragioneria con l’avallo del revisore contabile, sarebbe opportuno non ripetere. «Bisogna considerare - si legge nella relazione - che nel 2015 l’ente ha anticipato il pagamento di ingenti somme relative ad opere pubbliche cofinanziate dall’Unione europea per le quali, ad oggi, non sono pervenuti i relativi trasferimenti regionali». Bisogna quindi evitare slanci finanziari e mantenersi cauti. Agli uffici dei vari dipartimenti si chiede anche di «porre in essere ogni azione necessaria a incassare quanto di competenza dell’ente». Pugno duro, insomma, sugli evasori.