Per mesi da Fondi hanno chiesto un intervento diretto della Regione a tutela dei servizi erogati dall’ospedale “San Giovanni di Dio”. Per molto tempo si è rimasti in attesa di un confronto che servisse a comprendere i disagi dell’utenza e del personale che lavora sotto organico, con reparti in affanno e la necessità di potenziare i servizi, invece che tagliarli. Dalla Regione Lazio ora tendono una mano, ma potrebbe essere troppo tardi. Giovedì (la data potrebbe subire slittamenti dell’ultima ora) il sindaco Salvatore De Meo dovrebbe incontrare a Roma il governatore del Lazio Nicola Zingaretti. Il presidente della Regione ha risposto all’appello del Consiglio comunale di Fondi a confrontarsi sulla questione sanità. Ma, qualora dovesse essere rispettata la data di giovedì, sarebbe comunque successiva all’incontro della conferenza dei sindaci che ha espresso il proprio parere sulla proposta di modifica dell’atto aziendale così come propone la Asl. Con un taglio a Terracina, ci rimetterebbe di riflesso anche Fondi.