Libero, con il solo obbligo di firma in commissariato, il fondano arrestato lunedì scorso dalla Polizia, dopo che, armato di ascia, aveva aggredito il padre, cercando di estorcergli denaro. Questa la decisione presa dal gip Laura Matilde Campoli, al termine dell'interrogatorio di Eugenio Davide Di Sarra, 41 anni, di Fondi, difeso dagli avvocati Maurizio Forte e Sergio Capasso. "Giuro che stanotte ti taglio la testa ... ti faccio uscire di casa con i piedi davanti ... tanto non ho paura del carcere", aveva urlato, brandendo lascia, il 41enne, rivolgendosi al genitore, di 66 anni.