Guardia alta sulla gestione dei flussi degli immigrati ma stop agli allarmismi. La maggioranza del sindaco Andrea Antogiovanni fa chiarezza sui timori per l’arrivo a Lenola di nuovi rifugiati politici e richiedenti asilo. Erano state voci sui social network a destare preoccupazioni. Nel mirino era finita di nuovo l’amministrazione comunale, accusata di immobilismo e di non fare abbastanza per controllare il fenomeno. Accuse che il sindaco aveva già rispedito al mittente quando, nel fine settimana, era scoppiata la polemica. E che oggi torna a respingere. «Non sono previsti al momento nuovi arrivi in paese - ha spiegato il primo cittadino». A destare timori nei residenti, i movimenti attorno a un edificio di via Lago. Si parlava di una ventina di nuovi stranieri, accolti da una cooperativa sociale in contatto con la prefettura e attiva sul territorio. «Gli uffici della prefettura - chiarisce Antogiovanni - non confermano l’apertura di una nuova struttura a Lenola ma parlano del trasferimento di una sede da Corso Vittorio Emanuele III a via Lago». 

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (11 gennaio 2016)