Anche il Comune di Fondi si prepara alla svolta: più trasparenza e maggiori possibilità per i cittadini di controllare l’attività amministrativa dell’ente. Il dibattito sul “Foia” approda in commissione Bilancio e Affari generali. L’assemblea è stata convocata per venerdì 13 gennaio alle 9 e 30 e, oltre che della possibilità di accedere agli atti, si discuterà anche del regolamento di contabilità. Ma l’aspetto più saliente della riunione sarà costituito proprio dal punto tre all’ordine del giorno: il regolamento in materia di accesso civico e di accesso generalizzato. In parole povere, il “Foia”. Ma cos’è? L’acronimo deriva dalla lingua inglese (freedom of information act) e significa sostanzialmente una libertà totale di informarsi su ciò che l’ente locale produce. Atti, delibere, carte di ogni tipo che adesso ciascun cittadino potrà richiedere agli uffici competenti e ottenere risposta in breve tempo.

Il passaggio a questo nuovo sistema è stato introdotto dalla nuova normativa sulla trasparenza degli enti pubblici e uno dopo l’altro tutti i Comuni stanno predisponendo le regole per gestire il servizio. Rispetto al passato, il cambiamento prevede che non si debba essere necessariamente coinvolti in un fatto per poter richiedere l’accesso agli atti. Tutti possono chiedere tutto, e ne hanno diritto. Questa è la ratio che si pone alla base della rivoluzione sotto l’egida della trasparenza. Anche il Comune di Fondi ne discuterà nella prossima seduta di commissione Bilancio e Affari generali convocata per venerdì prossimo.