Un paradosso secondo qualcuno. Per altri invece si tratta solo di una coincidenza, di un semplice caso. Di certo l’approvazione di un progetto per la riqualificazione del belvedere panoramico di Monte San Biagio nel pieno delle proteste per la realizzazione di un muretto in via Torre triangolare da parte di un privato fa sorridere. E sì, perché a Monte San Biagio non hanno ancora digerito l’autorizzazione a realizzare un muro rialzato in uno degli angoli più suggestivi del centro storico del paese. La barriera a protezione di un immobile sottostante di fatto impedisce la vista del panorama, un bene di tutti sottratto dall’interesse di un singolo. Questa, in sintesi, la protesta dei cittadini. E mentre l’amministrazione del sindaco Federico Carnevale ha provato a spiegare le sue scelte sostenendo di aver seguito tutte le procedure previste dalla legge, una risposta la giunta l’ha data attraverso una delibera che candida il Comune ad accaparrarsi finanziamenti regionali per 50mila euro. Il progetto riguarda la valorizzazione del belvedere panoramico ai fini della promozione culturale e turistica di Monte San Biagio. L’importo complessivo è di 64mila euro ma le spese a carico dell’ente municipale sarebbero di appena 14mila euro, il resto verrebbe invece garantito dalla Regione. Gli interventi consisterebbero nella riqualificazione di angoli panoramici del paese. La richiesta di contributi si inserisce nell’ambito di un più ampio programma di finanziamenti disposto dalla Regione col piano turistico triennale 2015-2017. Monte San Biagio ricade tra le aree coinvolte e adesso si fa avanti con un progetto dettagliato.