Nel corso dell’ultimo Consiglio comunale il consigliere del Pd Maria Civita Paparello ha chiesto al sindaco Salvatore De Meo quali misure avesse preso l’ente riguardo al problema delle “colature” che sono presenti sui gradoni dell'anfiteatro in Piazza De Gasperi, segnalato già da oltre due mesi. Il sindaco ha risposto che l’ingegnere Mariorenzi, allora dirigente dei Lavori Pubblici nonché direttore dei lavori, sta effettuando una ricerca documentaria su tutti gli atti che hanno interessato il collaudo della struttura al termine dei lavori. Il consigliere Paparello ha espresso al momento le sue riserve in merito, perché il difetto, provocato probabilmente da una malta non adeguata nella posa della pietra serena dei gradoni, non era visibile nell’immediata conclusione dei lavori. "Si trattava - sostengono in una nota i consiglieri del Pd - di un vizio nascosto di costruzione che si è manifestato nei mesi e anni successivi". I consiglieri Paparello, Fiorillo e Parisella chiedono quindi all'amministrazione comunale di adottare le misure più opportune. "Esiste per questo la clausola contrattuale che ritiene responsabili le ditte edili delle imperfezioni e difetti che dovessero verificarsi all’opera realizzata nei dieci anni successivi al collaudo dei lavori" afferma l'opposizione. "Per questo motivo si chiede al sindaco De Meo che  venga immediatamente intimato all’Impresa appaltatrice di provvedere a ripristinare il decoro delle gradinate in Piazza De Gasperi".