Arriveranno nuclei familiari, donne sole o accompagnate da figli minorenni. Il Comune di Lenola si candida ufficialmente al piano di accoglienza Sprar. E lo fa mettendo paletti ben precisi sugli ospiti che usufruiranno del servizio. Sulla base del rapporto di 2,5 ospiti ogni mille abitanti, i migranti dovranno essere al massimo quindici e corrispondere all’identikit fornito dalla giunta guidata dal sindaco Andrea Antogiovanni. La giunta di Lenola ha deliberato l’atto d’indirizzo per la partecipazione al progetto Sprar nell’ambito del piano nazionale del ministero dell’Interno. Sarà l’ente a doversi preoccupare di individuare il soggetto gestore. Per questo sarà indetta una gara aperta. Sono già stati stabiliti i requisiti per partecipare. Il soggetto affidatario - specifica la giunta - dovrà dimostrare di aver maturato «un’esperienza pluriennale nel settore comprovata da attività e servizi in favore di soggetti titolari di protezione internazionale».