Nel suo intervento in diretta Facebook il sindaco di Aprilia, Antonio Terra, ha  preannunciato l'adozione di provvedimenti straordinari per  aiutare imprese ed attività commerciali che, a causa del lockdown, hanno sofferto maggiormente gli effetti del Coronavirus. Un supporto che si concretizzerà con l'abolizione della quota variabile della bolletta Tari 2020 per gli esercizi e le aziende  che in questi due mesi hanno dovuto chiudere, una delibera che sarà approvata dalla giunta nei prossimi giorni.

Una manovra da 700-800 mila euro secondo i calcoli dell'ufficio Finanze, che permetterà di eliminare (del tutto o in larghissima parte) questa voce dalla bolletta. "Sulla Tari abbiamo fatto slittare al 16 maggio il pagamento delle utenze domestiche e al 16  luglio quello delle attività commerciali, qualche cartella - spiega il primo cittadino -  è arrivata in ritardo ma voglio dire alle famiglie di non preoccuparsi perché non ci sarà nessun tipo di sanzione. Ma soprattutto entro il 30 giugno approveremo un atto che permetterà di tagliare la quota variabile della Tari alle attività lavorative rimaste chiuse in questi mesi. Perciò invito imprese e commercianti a farci pervenire per tempo la richiesta di esenzione".