Quando lo ha pescato quasi non credeva ai suoi occhi. Era il famoso granchio blu, conosciuto anche come granchio reale, un avvistamento rarissimo fino a poco tempo nelle acque pontine. Era lì in località Foce del Duca a Rio Martino e lui ha iniziato a tirare, la forza del granchio era micidiale. Paolo Bastianello, 55 anni, autotrasportatore di Latina è una vita che va a pesca ma mai si era imbattuto in questo tipo di granchio che per le acque del Tirreno e per la Marina di Latina rappresenta una novità assoluta.

L'anno scorso erano arrivate alcune segnalazioni a Foce Verde, quest'anno nei giorni scorsi la prima sorpresa per Bastianello. «Da quando sono bambino vado a pesca, sono un grandissimo appassionato, conosco il mare e sono oltre 40 anni che pratico questo hobby, per la prima volta ho trovato il granchio blu e non pensavo che avesse tutta questa forza. L'ho preso con la rete, ero sulla riva nelle vicinanze della Foce del Duca, l'ho visto e ho tirato - racconta Bastianello - mi ha incuriosito la grandezza: dall'esterno dell'acqua sembrava più grande, perchè l'acqua fa da lente di ingrandimento e ho visto che era qualcosa di impressionante e gli ho legato le chele, tipo come si fa con gli astici. Il granchio blu che ho preso - racconta - era grande come il palmo della mia mano».

Il crostaceo è originario dell'Atlantico ed è ritenuto invasivo. All'inizio si era diffuso tra la Francia e il Mar Baltico mentre nel Mediterraneo è apparso pochissime volte. Negli ultimi mesi però le segnalazioni sono aumentate e sembra che il granchio blu abbia invaso anche i nostri mari, prima nell'alto Adriatico nello specchio d'acqua tra la provincia di Venezia e Ferrara e ora nel Tirreno. Sul litorale pontino le prime segnalazioni risalgono alla scorsa estate e non sono state le ultime. La migrazione dipende secondo gli esperti dai cambiamenti climatici e dell'aumento della temperatura del mare. Il granchio blu conosciuto anche per la bontà delle sue carni, sarebbe arrivato nel Mediterraneo grazie alle acque di zavorra delle petroliere e dei mercantili. E chissà che non faccia qualche altra sorpresa nei prossimi giorni.