"Gravi le affermazioni di Nicola Calandrini, senatore della Repubblica ma soprattutto ex candidato sindaco di Latina. Sono gravi per diverse ragioni: Innanzitutto perché dichiara - nero su bianco - che non è a favore di una legge di civiltà, ovvero della legge contro l'omotransbifobia e la misoginia, che tutela tutte le persone che ogni giorno sono vittime di soprusi, violenza e discriminazioni. In secondo luogo, con le sue dichiarazioni mistifica la realtà, genera fake news e falsa informazione". A dirlo sono le Sardine di Latina, tramite una nota della coordinatrice Anna Claudia Petrillo.

"Le nostre cittadine e i nostri cittadini meritano molto di più - dichiara Anna Claudia Petrillo - La legge in questione è una legge contro la misoginia e l'omotransbifobia che in nessun modo rimette in discussione o tratta della questione impropriamente chiamata da Calandrini "utero in affitto" che invece è normata dalla legge 40 del 2004 e se è vero che estende la legge Mancino, non introduce il reato di propaganda di odio ma incitamento all'odio, diversamente da quanto sostenuto dal Senatore. Quindi saranno vietate frasi come "bruciate i gay", se per Calandrini questa è limitazione della loro libertà di espessione, vorrei ricordargli che siamo in uno stato di diritto e quanto da lui sostenuto mette in luce gravi problemi di civiltà e democrazia".