Dopo il mondo della ristorazione anche quello dello sport è sceso in piazza. Società e istruttori si sono ritrovati in piazza del Popolo per aderire al flashmob promosso dall'Osservatorio per lo Sport e il Turismo Sportivo della provincia di Latina, per dimostrare il proprio disappunto sulla decisione, da parte del Governo, di chiudere palestre, piscine e centri sportivi nonostante in questi luoghi i contagi siano stati, finora, bassissimi se non pari allo zero. "Giù le mani dallo sport", questo il motivo dominante del pomeriggio.

Presenti anche Silvio Di Francia, assessore alle politiche culturali, sport e turismo ed Emilio Ranieri, assessore a decoro, manutenzioni, patrimonio e lavori pubblici del Comune di Latina, per far sentire la vicinanza dell'amministrazione a chi si è visto privare della propria passione. Agli assessori, il presidente dell'Osservatorio Annalisa Muzio ha espresso pubblicamente la necessità che si facciano portavoce della richiesta per ottenere prima possibile i ristori compensativi di cui le società fermate dal nuovo Dpcm hanno bisogno per non rischiare di morire.