La consigliera comunale di Piazza Civica, Fiorella Diamanti, condivide l'appello all'unità sui temi ambientali lanciato dall'assessore Monica Laurenzi e lancia un gesto distensivo nei confronti della costituzione della commissione speciale d'inchiesta sul caso Loas, mostrandosi disponibile (seppur contraria) a dare il via libera come segno di rispetto nei confronti dell'opposizione. "I temi ambientali si stanno rivelando cruciali per il futuro della Città ed impegnano grandi risorse di questa Amministrazione comunale che li sta affrontando con determinazione ed uno stile inclusivo. Colgo con grande favore - spiea la consigliera Diamanti -  l'appello dell'Assessore Monica Laurenzi che, andando oltre l'appartenenza ai gruppi politici, ha chiesto a ciascuno di dare il proprio contributo per mettere davvero al centro l'interesse comune. Un metodo che ci deve contraddistinguere non solo nell'affrontare la temibile minaccia di una nuova discarica, ma che vale anche per tutti i temi riguardanti la difesa del territorio. Per tale ragione vorrei dire la mia personale opinione sulla richiesta, avanzata dalla minoranza, di costituzione di una commissione di inchiesta sul caso Loas. Ritengo che la tempestiva condivisione di documenti e informazioni sul noto disastro ambientale avvenuto ad agosto, cosi come la convocazione degli organismi competenti in seno alla VII Commissione consiliare permanente, non renda necessario il ricorso ad ulteriori strumenti "speciali". Qualora il diniego a questa richiesta fosse però interpretato come un atto volto ad escludere l'opposizione e limitarne le prerogative democratiche ad essa spettanti, la maggioranza dovrebbe rivedere la sua posizione. L'obiettivo infatti è quello di mettere ciascuno nella condizione di dare il proprio contributo e di costruire condizioni favorevoli alla collaborazione istituzionale. Pertanto pur non essendo d'accordo con la costituzione della Commissione speciale in quanto non credo possa essere risolutiva della questione Loas rispetto agli strumenti ordinari, se la minoranza ritiene indispensabile la sua costituzione sono dell'idea di acconsentire a tale richiesta".