La madonna del Carmelo torna a regalare il sorriso agli abitanti del quartiere Gattone. Ieri pomeriggio una piccola cerimonia organizzata dal comitato di quartiere Gattone, presieduto da Maria Mulinari, è stata l'occasione per posizionare la sacra effige all'interno della piccola edicola all'incrocio tra via Carroceto e via Guardapasso, all'interno della teca dove nella notte tra il 24 e il 25 agosto la statua che era stata collocata nel 2013 era stata rubata da ignoti. Un furto che aveva provocato indignazione, rabbia e sgomento tra i residenti, più che per il valore economico per il forte valore simbolico della statua rubata. Del resto quello di agosto è stato un mese nero: oltre alla madonna del Carmelo i ladri avevano portato via la storica Madonnina tra via Isole e via Carano - solo di recente collocata - anche in questo caso un furto condotto nottetempo solo al fine di portare via la sacra effige alla quale gli abitanti erano particolarmente affezionati.
A donare la nuova statua il noto costruttore Umberto Lazzarini, residente proprio nel quartiere e che ha voluto dimostrare con i fatti l'amore e l'attaccamento verso il quartiere gattone. Oltre al benefattore e ai residenti, l'assessore alla cultura Elvis Martino era presente alla cerimonia officiata dal parroco di San Pietro e Paolo don Salvatore. «Ringrazio di cuore Don Salvatore – spiega il presidente del comitato di quartiere Maria Mulinari – per aver contribuito a rendere ancora più bella questa giornata speciale, dopo il dolore provocato dal furto che ci aveva sottratto la nostra sacra effige. Un sentito ringraziamento va a Umberto Lazzarini, che ha voluto donarci la nuova effige sacra collocata».