L'amministrazione comunale rinvia ancora una volta la decisione sull'istituzione della commissione speciale sull'incendio alla Loas e Aprilia in Azione sfida la maggioranza in Consiglio, presentando per la prossima assise una mozione per avere una risposta definitiva dalla coalizione civica. Nella conferenza dei capigruppo di giovedì da parte dei gruppi di maggioranza non è arrivata nessuna risposta rispetto all'ipotesi avanzata a fine agosto da Davide Zingaretti e Giorgio Giusfredi, un atteggiamento inspiegabile visto che la commissione Ambiente del 20 ottobre aveva rimandato proprio alla capigruppo la scelta sull'istituzione o meno dell'organismo. Un atteggiamento che lascia presagire la volontà della giunta Terra di far cadere tutto nel dimenticatoio, a oltre 3 mesi di distanza del devastante incendio. Perciò i consiglieri di Azione, promotori della proposta, hanno rotto indugi protocollando un atto che verrà nel Consiglio comunale del 30 novembre. Una mozione alla quale i consiglieri di maggioranza saranno chiamati a rispondere con un si o con no, facendo finalmente capire le loro intenzioni. "Solo in questo modo  - spiegano gli esponenti di Azione - sapremo definitivamente se verrà istituita o meno la Commissione Speciale. Riteniamo ancora fortemente necessario questo strumento per prendere in esame e studiare tutte quelle vicende rimaste in sospeso sul caso Loas".

L'impressione è che gran parte della maggioranza voglia bocciare la proposta, lo dimostra il fatto che nella capigruppo non è stata avanzata nessuna proposta alternativa o tesa al dialogo, come invece sembrava emergere dalla commissione del 20 ottobre. E in questo senso si comprende anche la nota inviata giorni fa dalla consigliera Fiorella Diamanti, che a nome di Piazza Civica ha espresso la volontà di dire sì, probabilmente per distinguersi delle altre liste che intendono invece bocciare la costituzione senza però dare nessuna spiegazione alla città.