Mai così tante ore di cassa integrazione in così pochi mesi: l'effetto della pandemia sui livelli economici adesso si tocca con mano e si conta dentro numeri spaventosi. Sono quasi 18 milioni le ore di cig applicate ne mesi dell'emergenza Covid.
"Per capire quanto la pandemia abbia inciso sulla quotidianità delle donne e degli uomini del nostro territorio basta questo dato: 17,3 milioni. - dice il segretario della Uil territoriale, Luigi Garullo dopo l'ultima rilevazione dell'Ufficio studi del sindacato - È il numero delle ore di cassa integrazione concesse a Latina e provincia da gennaio a novembre 2020. Praticamente un valore che eccede di oltre tredici volte quello dello stesso periodo dell'anno precedente. Tradotto in unità di lavoro stimiamo che siano stati mediamente circa 10mila le persone a essere interessate da questo tipo di ammortizzatore sociale durante l'emergenza sanitaria».

Il monitoraggio sulla cassa integrazione viene fatto insieme all'Istituto Eures e tutto sommato quella cui si è arrivati è una situazione purtroppo prevedibile che ha prodotto un pauroso calo del reddito per migliaia di famiglie.
Si tratta di numeri che si inseriscono in uno scenario occupazionale che era già critico prima dell'esplosione della pandemia. Il 2019 si era infatti chiuso con un tasso di occupazione pari al 54,4 per cento (contro il 61 della media regionale) e con un indice di disoccupazione di quasi quattro punti percentuali superiore alla media laziale con oltre 33mila residenti pontini alla ricerca disperata di un lavoro.

«L'emergenza Covid, il seguente lockdown, le chiusure delle attività considerate non essenziali, - aggiunge Garullo - le attuali indispensabili limitazioni per scongiurare una terza ondata stanno ricadendo pesantemente sull'economia di Latina e provincia e il rischio di una irrimediabile lacerazione del tessuto economico e sociale può diventare concreto. Settori quali il manifatturiero, il turismo, le attività culturali, solo per citarne alcuni, sono in ginocchio. E la cartina al tornasole è il numero delle lavoratrici e dei lavoratori che hanno fatto ricorso alla cassa integrazione ad aprile scorso: 54mila unità».

C'è anche dell'altro. In una provincia dove le esportazioni rappresentano oltre il 54 per cento della ricchezza prodotta, i dati relativi al commercio con l'estero destano forte preoccupazione: in soli nove mesi (da gennaio a settembre 2020) le esportazioni hanno presentato una flessione del 10,5 per cento. Circa 800 milioni di euro in meno, un calo in gran parte determinato dalla riduzione delle vendite all'estero di prodotti farmaceutici e chimico medicali (-12,3%) nonostante la dinamica di crescita del mercato globale in questo settore. Si segnala inoltre un contestuale incremento delle importazioni (+10,1 per cento), determinato dalla specificità della produzione farmaceutica locale orientata prevalentemente alla trasformazione e al confezionamento di prodotti finiti.
Inoltre se si analizza il numero delle richieste alle misure straordinarie per affrontare l'emergenza coronavirus, il cerchio delle enormi difficoltà di donne e uomini si chiude: 11mila le domande per usufruire del reddito di emergenza, altrettante quelle per l'indennità per i professionisti con partita via e lavoratori co.co.co. Oltre 16mila le richieste di indennità una tantum per i lavoratori agricoli a tempo determinato.

«Il 2020 è stato un anno orribile - conclude Luigi Garullo - Quello attuale si è aperto con l'imperativo dichiarato di scongiurare la terza ondata, sotto questo aspetto la riapertura delle scuole sarà una prova di maturità per tutti, una sfida che viaggerà sul fragile equilibrio della responsabilità personale e della massima circospezione. Accanto alle preoccupazioni quotidiane e alla speranza di mettersi l'emergenza sanitaria alle spalle il prima possibile, il sindacato è impegnato a dare il proprio contributo per ricostruire il Paese. Occorre porre il lavoro e la persona al centro di tutto. Quindi diritti sociali e politiche socio industriali. Sono questi i temi che riteniamo indispensabili e che sono contenuti nel documento ‘Ricostruire il futuro', che Cgil Cisl e Uil hanno inviato alla Regione».