Con una simbolica corona ai caduti civili e militari, deposta dal Sindaco Mauro Primio De Lillis, la Città di Cori ricorda il 30 gennaio 1944: giorno terribile quando, 77 anni fa, la Città e la popolazione inerme fu, per la prima volta, sotto il fuoco incrociato degli eserciti tedesco e alleato. Era una domenica di guerra, difficile per la Città, per tutta l'Italia e per tutta l'Europa, come ormai da quando era iniziato il secondo conflitto mondiale. "Ma fino ad allora la guerra non era ancora arrivata nelle case dei nostri padri e dei nostri nonni – sottolinea il Sindaco-. Sotto i bombardamenti, che si ripeterono anche nei mesi successivi, persero la vita 228 persone: donne, uomini, bambini.

Molti subirono amputazioni. Tutti videro le loro vite stravolte. I danni materiali furono ingentissimi. Anche le generazioni successive hanno avuto davanti agli occhi le ferite umane e materiali di quegli eventi. Nel 2007 la Città di Cori è stata insignita della Medaglia d'Argento al Merito Civile per la testimonianza di reciproca solidarietà che i cittadini seppero dimostrare in quei momenti. Oggi, oltre che continuare a condannare tutte le guerre, dobbiamo ricordare quelle vittime e quei gesti di umana solidarietà. Questo è l'insegnamento che possiamo trarre da quei tragici eventi."