Sì, è vero, le dosi Pfizer e Moderna sono in ritardo ed esiste il rischio che il piano vaccinale pianificato a dicembre possa subire una frenata anche per la somministrazione agli anziani. La prevista riunione tra i presidenti di regione, il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario straordinario all'emergenza Domenico Arcuri, è slittata. Certamente la crisi di Governo non aiuta. Manca una strategia condivisa: le regioni puntano ad obiettivi diversi pensando alle proprie realtà. Ma guardando nello specifico in casa nostra, dopo un esordio da incubo, il secondo giorno dedicato alla prenotazione online degli antidoti contro il Covid-19 per gli ultraottantenni ha fatto registrare notevoli progressi.

Ieri non si sono verificati problemi, il sito regionale è stato accessibile a tutti, ad ogni ora, e le prenotazioni hanno raggiunto numeri davvero importanti. Oltre 130mila over 80 del Lazio hanno prenotato il proprio vaccino, prima e seconda dose (ha comunicato la Regione sulla pagina Facebook ufficiale di Salute Lazio ieri sera poco dopo le 20): più della metà riguarda le prime tre Asl di Roma, poi viene Latina, che precede di gran lunga le Asl Roma 4, 5 e 6, ma anche Frosinone, Rieti e Viterbo. Oltre 12mila over 80 del nostro territorio hanno finora prenotato il proprio vaccino (entrambe le dosi) sempre secondo il dato fornito ieri sera dalla Regione. Il vero dubbio riguarda le quantità di siero che saranno effettivamente disponibili. Per adesso sia Pfizer sia Moderna hanno rallentato le consegne, con quantità di flaconi ridotte rispetto al previsto.

Sono quasi mezzo milione gli anziani del Lazio, 40mila i residenti nella nostra provincia. Numeri alla mano, oltre un quarto degli over 80 pontini ha prenotato le proprie dosi. Si parte l'8 febbraio, si finirà in estate. Gli ultimi arrivati degli oltre 12mila anziani della provincia che hanno prenotato il siero ieri, effettueranno la prima dose a fine aprile, il richiamo a maggio. Considerando che ne mancano ancora quasi 30mila, non è difficile fare due conti e capire che per avere tutti gli anziani vaccinati bisognerà attendere svariati mesi. Secondo le disposizioni regionali, nella nostra provincia verranno effettuati 270 vaccini al giorno, al momento i presidi per farli sono 5 (Latina, Aprilia, Fondi, Formia e Priverno), quindi poco più di 50 iniezioni giornaliere per ogni struttura ospedaliera attiva (in attesa che ne vengano rese operative altre). Ci vorrà molto tempo per immunizzare tutti gli anziani pontini. A meno che non vengano consegnate più dosi di vaccino.