I veicoli possono sostare nella ztl, a patto che il proprietario sia un residente di un'abitazione all'interno del perimetro senza uno stallo fisso assegnato. Una regola che è sempre esistita, ma che non tutti conoscevano, persino tra chi ha residenza lì. Ed è per questo che ultimamente, nel vedere le auto parcheggiate a bordo della carreggiata dell'area interdetta al traffico, più di qualcuno si è chiesto: ma si può parcheggiare nell'isola pedonale in centro? La questione, che come si è detto non è nuova, è riemersa recentemente, dopo un ricorso vinto da uno dei residenti in merito ad una sanzione ricevuta proprio a causa della propria auto in sosta nella ztl.

Insomma, la legge dice chiaramente che si può fare, come d'altronde dimostrato anche da precedenti sentenze del Giudice di Pace che hanno sempre dato ragione ai residenti quando hanno contestato le varie multe. Si solleva così un problema: chi ha casa all'interno della zona a traffico limitato può parcheggiare, ma l'area nasce proprio affinché sia priva di veicoli. È chiaro che la falla sia da rintracciare nel regolamento comunale, atto che dovrebbe essere modificato, cosa che in passato è stata proposta anche dal Comandante della Polizia Locale, il dirigente Francesco Passaretti, ma che ancora non ha trovato una sua applicazione. Le recenti vicende , sembrano però aver smosso il Comune, che sarebbe al lavoro per trovare 35 parcheggi specifici - tante sono le unità famigliari con residenza nella ztl - all'esterno del centro storico, in modo che nessuno sia più legittimato a parcheggiare dentro l'area, concedendo loro un posto dedicato. In pratica, si tratta della stessa strategia utilizzata in passato per i residenti della cosiddetta zona dei pub.

Per quanto riguarda il centro storico, sembra che l'area attualmente più gettonata per tale soluzione sarebbe quella delle vecchie autolinee, anche se si tratta di ipotesi non confermate. A prescindere dal luogo che sarà infine designato, la soluzione della creazione di stalli dedicati sembra essere quella più azzeccata: da una parte aiuterebbe i residenti, soprattutto quelli che finora, invece di parcheggiare sotto casa, hanno scelto di impiegare tempo alla ricerca di un parcheggio lontano dalla ztl per una questione etica; dall'altra aiuterebbe il Comune a garantire l'assenza di veicoli in una strada dedicata al solo passaggio pedonale.