L'acquisto degli assorbenti igienici, una voce che viene a torto ritenuta irrilevante nel bilancio delle famiglie. Soprattutto se si parla di prodotti destinati a ragazze giovani, ancora non in grado di percepire un reddito. In questo periodo di crisi dovuto alla pandemia, inoltre, tali spese stanno gravando ulteriormente sulle tasche dei cittadini. E' una problematica già discussa e affrontata in svariati Comuni italiani, compresi alcuni della provincia pontina, e già risolta con diverse soluzioni in numerosi Paesi europei. A richiamare l'attenzione sull'argomento anche a Latina hanno pensato due responsabili della sezione locale di Gioventù Nazionale, Serena Baccini e Hilary Foglia: hanno incontrato la consigliera comunale di Fratelli d'Italia, Matilde Celentano, e le hanno chiesto di farsi portavoce dell'iniziativa presso le sedi competenti dell'Amministrazione comunale.

Dalla Celentano, naturalmente, è stata subito assicurata la massima disponibilità:

 

"Non stiamo parlando di un superfluo accessorio estetico ma di un bene essenziale, il cui acquisto grava sul bilancio delle famiglie. Consideriamo che a Latina risiedono circa 7000 ragazze di età compresa tra 14 e i 27 anni: se la spesa pro capite per gli assorbenti è stata calcolata intorno ai 130 euro l'anno, si fa presto a comprendere l'entità di tali somme, aggravata ulteriormente dalle conseguenze della pandemia. Lo Stato Italiano ancora non ha saputo cogliere l'importanza di questa iniziativa sociale, applicata in diversi Paesi con la riduzione dell'Iva al 4% o con altre misure. A livello locale, però, si può e si deve fare qualcosa!".

 

La proposta, elaborata insieme a Serena Baccini e Hilary Foglia, prende spunto dall'importo del reddito Isee per le famiglie interessate:  

 

"L'idea che proponiamo è quella di introdurre dei voucher il cui importo dipenda dal reddito del nucleo familiare: per un Isee inferiore ai 15mila euro suggeriamo dei buoni per acquisti gratuiti da riservare alle giovani dai 14 ai 18 anni; con lo stesso Isee, ma per una fascia d'età compresa tra i 19 e i 27 anni, chiediamo l'assegnazione di voucher che comportino uno sconto del 50%. Questo sistema garantirebbe un prezioso sostegno alle famiglie e procurerebbe dei vantaggi anche ad eventuali esercizi commerciali convenzionati. Mi farò carico della proposta nelle sedi competenti dell'Amministrazione comunale, confidando in una dimostrazione di sensibilità e considerazione nei confronti delle nostre giovani cittadine".