Problema rinviato, ma non risolto. Si tratta della questione relativa alle associazioni Combattentistiche e d'Arma di Latina, destinatarie di una notifica di cessata concessione da parte dell'Agenzia del Demanio, le quali avrebbero dovuto lasciare l'immobile il 3 maggio. Oggi, però, la stessa Direzione Regionale ha scritto alle associazioni, differendo il rilascio dell'immobile a data da destinarsi, ossia fino a nuova comunicazione.

A darne notizia è il sindaco di Latina, Damiano Coletta: «Ho appreso con soddisfazione di questo differimento ‘sine die'  e penso che sia già un primo passo in avanti verso una soluzione condivisa per la quale l'Amministrazione, tra l'altro, si è da tempo attivata. Come ho detto più volte, l'interesse di tutti è quello di individuare un percorso che rispetti i valori e le tradizioni espressi dalle Associazioni Combattentistiche e d'Arma e che soddisfi le esigenze dell'intera comunità considerando la storia della Casa del Combattente e ciò che ha sempre rappresentato per la città di Latina».