Gianluca Di Cocco, portavoce per il comune di Latina di Fratelli d'Italia, accende i riflettori sullo sportello dedicato all'erogazione del Reddito di cittadinanza a Latina, chiuso da giorni.

«Fallimento preannunciato quello dell'erogazione del Reddito di cittadinanza, che ha solo evidenziato il proliferare dei furbetti che approfittano dell'emergenza. La misura, che si conferma il più grande fallimento del M5S doveva abolire la povertà e invece, troppo spesso, finisce nelle mani di chi non ha i requisiti per ottenere l'erogazione. Nel comune di Latina da giorni l'ufficio del reddito di cittadinanza non è più attivo. Lo scorso 30 aprile il servizio in appalto del comune di Latina, che assegnava i servizi del reddito di cittadinanza, è scaduto, e attualmente dall'amministrazione targata LBC, non è stato presentato nessun nuovo bando. Ciò che è reso obbligatorio da una determina dirigenziale, non trova proseguo. Nella determina del 19/04/2021 n544/2021 viene segnalata inoltre, la necessita di assicurare il servizio fino al 31/12/2021 ma dopo quasi un mese ancora nessuna risposta. Questa situazione, che denota per l'ennesima volta un'incapacità organizzativa, sta creando numerosi problemi alle tante famiglie che ne hanno diritto e che hanno richiesto il reddito di cittadinanza. Pratiche purtroppo non lavorate e quindi non evase, il sito del comune, dove non sono presenti chiare indicazioni e numeri di telefono per chiarimenti e delucidazioni, mette in seria difficoltà quei cittadini che realmente hanno bisogno di un progetto di inclusione sociale, di un progetto che permetta loro di essere membri attivi della società».