Anche la Soprintendenza Paesaggio, Archeologia e Belle Arti dice no all'ipotesi di discarica nell'area di La Cogna. Nella giornata di ieri in seno alla conferenza dei servizi che dovrà valutare il progetto della società Paguro è pervenuto il parere della Soprintendenza di Latina e Frosinone che ha dato: "parere negativo alla realizzazione dell'intervento": in quanto "non conforme alle disposizione normative richiamate e non compatibile con il contesto di riferimento". Nella nota di tre pagine l'organo periferico del Ministero della Cultura spiega che: "nelle aree oggetto di intervento sono stati liquidati i diritti per uso civico di pascolo gravante a favore della collettività nel Comune di Ardea…." ma che: "per effetto dell'entrata in vigore della legge del 20 novembre 2017 n. 168 in materia di domini collettivi, è mantenuto il vincolo paesaggistico". Inoltre la Soprintendenza rimarca che "l'intervento in oggetto insiste su delle aree che, nonostante le trasformazioni avvenute nel tempo, mantengono un valore paesaggistico non solo in sé ma anche con il territorio immediatamente circostante e perciò esprime criticità relative alla procedura in oggetto". Un altro parere che conforta il Comune di Aprilia, dopo il no espresso circa una settimana dall'Arpa Lazio. Ad esprimersi sul progetto (bonifica del sito ex cava di La Cogna dove sono stimati 64 mila mc di rifiuti con sistemazione idrogeologica e poi realizzazione di un deposito definitivo per i rifiuti rimossi e sovvalli per una capacità di 660 mila mc ) in maniera definitiva dovrà comunque essere la conferenza dei servizi della Regione Lazio, una volta acquisiti tutti i pareri.