L'ex ferramenta confiscata nell'ambito dell'inchiesta Dark Side diventa ufficialmente la sede del comitato di quartiere Fossignano. Dopo un lungo percorso iniziato nel giugno 2019, il presidente del comitato Ermanno Patrizio ha sottoscritto con il Comune di Aprilia il contratto di comodato gratuito, ricevendo dall'assessore Luana Caporaso le chiavi dell'immobile confiscato alla famiglia Piattella nell'ambito dell'operazione sulla "cava dei veleni". Il locale era stato in un primo momento sequestrato, a seguito della sentenza di primo grado nel procedimento penale n 23611/2016 pendente presso il tribunale di Roma, e successivamente confiscato, quindi affidato ad un amministratore giudiziario incaricato, che ne ha curato la cessione curato la cessione gratuita momentanea al comitato tramite dell'amministrazione cittadina.

«Grazie a questo primo importantissimo passo il quartiere di Fossignano, con la sede del Comitato, potrà disporre di un luogo laico dove ci si possa incontrare o riunire per organizzare eventi culturali, sociali e ludici. Questo rappresenta - spiega il presidente del comitato, Ermanno Patrizio - il primo embrione di una piazza civica dove potremmo recarci per passare un pò del nostro tempo libero anche solo per il piacere dell'incontro o dell'amena chiacchierata. Per noi è un grande giorno, ma al tempo stesso siamo consapevoli che dovremmo affrontare delle sfide importanti e impegnative, a partire dalla pulizia e sistemazione dei locali, all'arredo degli stessi, al disbrigo delle varie pratiche burocratiche ed infine, la più rilevante, l'organizzazione delle attività sociali. Perciò abbiamo bisogno del supporto, del sostegno e dell'operosità attiva e generosa di tutti, solo così potrà essere percorsa molta strada insieme ai nostri concittadini».