I residenti del quartiere Fossignano scendono in strada per chiedere giustizia per Birillo, il dolcissimo labrador di 10 anni ucciso dalle vili e impietose bastonate inflittagli il 24 maggio nelle vicinanze di via Sacco a Fossignano. Per questo stamattina il comitato di quartiere Fossignano, raccogliendo  le molteplici sollecitazioni spontanee provenienti dai residenti  e approfittando del già programmato Ecocentro di quartiere, ha organizzato una passeggiata per le strade del quartiere per manifestare vicinanza alla famiglia di Birillo e lanciare il forte segnale "Fossignano reagisce, ripudia con forza l'orrore subito e braccherà il mostro brutale, e ammonisce: se sai denuncia altrimenti sei come lui".
Questa mattina, nella piazza antistante la sede del comitato di quartiere, erano presenti un bel gruppo di cani al guinzaglio dei loro proprietari che sotto il coordinamento dei volontari del comitato di quartiere, nel pieno rispetto delle restrizioni anti-covid, ordinatamente ed in sicurezza hanno preso parte alla camminata di protesta "abbaiamo per Birillo". In testa alla lunga fila "a sei zampe" c'era la "mamma" di Birillo, Olga La Rocca, con al guinzaglio Ettore un bel cucciolone di labrador nero compagno di fuga e di giochi dello sfortunato Birillo. La lunga colonna colorata ha attraversato il quartiere in ordine e disciplina, urlando in assordante silenzio la rabbia per i fatti accaduti e prendendo le distanze dall'atteggiamento omertoso e pavido che troppo spesso non consente di individuare e, di fatto, protegge chi perpetra questi orribili crimini.
Rientrati nel piazzale del comitato di quartiere, la signora Olga La Rocca ha ringraziato per bella iniziativa ed in merito ha detto: "la vostra vicinanza e la vostra solidarietà non alleviano il dolore per la perdita, ma ci danno forza, e la speranza che a furia di lottare e di condividere la nostra triste storia, qualcuno che ha visto possa decidersi a parlare". Aggiungendo "Un cane non è solo un cane. Il cane è famiglia, il cane è ricordi, il cane è vita, il cane è "amore puro", il cane è un mondo. Non si può spegnere un mondo per lo spregevole e assurdo gesto di un delinquente senza anima. Birillo non sarà morto inutilmente, ve lo assicuro."
Nel suo intervento conclusivo, Il presidente del comitato di quartiere Ermanno Patrizio ha ribadito con fermezza e decisione che la gente del quartiere non si riconosce nei fatti di pura crudeltà che hanno portato Fossignano alla ribalta dei media: Birillo e Brenda la gatta deceduta qualche mese fa a seguito delle ferite riportate per un colpo di fucile. "I residenti di Fossignano amano tutti gli animali, né è tangibile testimonianza la giornata di oggi, tante sono le famiglie intervenute con i loro amati compagni e non ci sta ad essere infangata o solo lontanamente confusa con l'autore degli orrendi crimini che da oggi avrà vita dura, la caccia si è aperta e prima o poi sarà individuato e denunciato".