"La prossima scadenza dell'Imu 2021, mercoledì 16 giugno, è una vera e propria beffa per i proprietari di immobili, in molti casi costretti a versare l'acconto dell'imposta sugli immobili di cui non hanno la disponibilità a causa del blocco degli sfratti".  Lo dichiara Riccardo Pedrizzi, vicepresidente di Federoproprietà.

Una situazione che ormai si prolunga da un anno e mezzo e sulla quale il governo chiude gli occhi, scaricando su chi paga le tasse il peso dell'illegalità dei morosi, favoriti e coccolati dal blocco delle procedure esecutive sorte nel periodo di emergenza Covid. Il blocco degli sfratti non fa altro che tutelare questi cattivi pagatori ed incentivare la morosità. Esiste infatti una notevole differenza tra coloro che non possono pagare un affitto perché hanno perso il lavoro per la pandemia e coloro che non pagano da anni, per cui bisognerebbe distinguere le situazioni. Perché si mette sullo stesso piano un approfittatore abusivo e un inquilino onesto in oggettive difficoltà economiche? E perché si colpiscono sempre le solite categorie come i piccoli proprietari di case, che da anni rappresentano il bancomat di molti governi".