Alla fine è salpata la TriEste Crew. Il "viaggio di formazione" in barca a vela è iniziato lo scorso 26 giugno per Lapo, Simone e Benjamin, i tre ventenni di Terracina che nel corso dell'inverno, in pieno lockdown, hanno concepito l'idea di circumnavigare lo Stivale in una piccola imbarcazione a vela, con l'intento di monitorare la presenza di rifiuti in mare e a un tempo di incontrare gente nelle quaranta tappe preventivate da Genova fino al sud Italia. L'impresa non era scontata. Ci volevano soldi, prima di tutto. E poi la determinazione, perché tra il dire e il fare come è noto non solo tra i giovani, c'è di mezzo il mare. Ma questi tre giovani sono proprio figli del mare, nativi o adottivi, istruttori di vela già a vent'anni, qualcuno figlio d'arte, tutti stregati dalla potenza ammaliatrice delle onde che li ha fatti presto esperti di bolina, soprattutto attratti dalla sfida più grande, mettersi alla prova, lasciare la comfort zone della pigra cittadina di provincia, superare le colonne d'Ercole dell'adolescenza, quelle troppo comode di un display.

La loro impresa, Cambiavento, abile acrobazia linguistica per unire gli ideali di cui si nutrono con l'azione, è quella di girare l'Italia in quaranta tappe, parlare di mare, ambiente e rifiuti a ogni occasione utile, e raccontarsi al modo moderno al mondo esterno con i social, come già hanno iniziato a fare in queste ore, al terzo giorno di viaggio.

Sono tutti un po' con loro, insomma. Amici, internauti, curiosi, genitori. Tutti a perlustrare insieme a loro l'orizzonte, in attesa che compaia la terra ferma, per poi ripartire ancora e poi di nuovo approdare. Hanno trovato dei sostenitori nel loro crowdfunding, i ragazzi, uno di questi la Farmacia comunale di Terracina. E soprattutto hanno trovato dei maestri coraggiosi nei loro genitori, in alcuni loro docenti, che hanno alimentato la voglia di esplorare la natura selvaggia, tra un corso di violino jazz e un altro di fumetti.

Non resta che seguirli sui loro canali facebook e instagram. E augurare a Lapo Salvatelli, Simone Cervelloni e Benjamin Werder buon Cambiavento.